Tu m’hai s’ piena di dolor la mente (Guido Cavalcanti)

Tu m'hai s' piena di dolor la mente,

che l'anima si briga di partire,

e li sospir' che manda 'l cor dolente

mostrano agli occhi che non può soffrire.

Amor, che lo tuo grande valor sente,

dice: – E' mi duol che ti convien morire

per questa fiera donna, che nïente

par che piatate di te voglia udire – .

I' vo come colui ch'è fuor di vita,

che pare, a chi lo sguarda, ch'omo sia

fatto di rame o di pietra o di legno,

che si conduca sol per maestria

e porti ne lo core una ferita

che sia, com' egli è morto, aperto segno.

Guido Cavalcanti (1259-1300)